NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
  • Home
  • Progetti
  • Progetti in corso
  • MPA-ADAPT - Guidare le AMP del Mediterraneo attraverso l'era del cambiamento climatico: costruire la resilienza e l'adattamento

MPA-ADAPT - Guidare le AMP del Mediterraneo attraverso l'era del cambiamento climatico: costruire la resilienza e l'adattamento

Il clima del Mediterraneo subirà rapidi cambiamenti nel corso dei prossimi decenni. La prova diretta del cambiamento climatico è già osservata sulle coste mediterranee e anche nelle aree marine protette (AMP). La necessità di comprendere e lavorare per la costruzione della resilienza sia per le comunità costiere sia per la biodiversità marina, attraverso la gestione adattativa, sono diventati un elemento essenziale per la mitigazione e l'adattamento contro i rapidi cambiamenti per mantenere e proteggere gli ecosistemi in buona salute nelle AMP. Purtroppo il cambiamento climatico non è esplicitamente incorporato nella maggior parte dei piani di gestione e l'informazione per aiutare le AMP nel processo decisionale è limitata e frammentata.

L'integrazione dell'adattamento al cambiamento climatico in aree marine protette del Mediterraneo contribuisce agli sforzi compiuti in tutta la regione per migliorare l'adattamento al cambiamento nelle zone costiere. 

Obiettivo principale

Gli obiettivi di MPA-ADAPT sono lo sviluppo di piani di adattamento collaborativi e sito-specifici per le AMP che migliorano la loro resilienza agli impatti del cambiamento climatico. Questo obiettivo sarà raggiunto attraverso workshop per la costruzione di capacità per una gestione efficace, lo sviluppo delle valutazioni del rischio e una ricerca delle potenziali azioni e delle priorità necessarie per garantire l'adattabilità e la capacità di recupero della biodiversità e delle comunità locali, includendo i pescatori e le altre parti interessate.

Esso mira inoltre a integrare le valutazioni di vulnerabilità al cambiamento climatico e la natura alla base della pianificazione dell'adattamento nei loro piani di gestione esistenti e fornire una guida per i gestori delle AMP  e gli stakeholder locali per implementare e testare approcci di adattamento al cambiamento climatico. 

Obiettivi specifici

1. Aumentare la consapevolezza del ruolo di AMP efficaci per migliorare la resilienza ai cambiamenti climatici e salvaguardare i servizi ecosistemici oltre a contribuire alle misure di adattamento.

2. Rafforzare la capacità delle AMP per pianificare e rispondere agli impatti dei cambiamenti climatici sulla base di una migliore comprensione del rischio climatico e della vulnerabilità.

3. Mostrare come il cambiamento climatico può essere integrato nella pianificazione e gestione delle aree marine protette del Mediterraneo.

Il ruolo dell'AMP Isole Pelagie

Il ruolo dell'AMP Isole Pelagie è di integrare l'adattamento al cambiamento climatico nel suo piano di gestione che supporti una gestione efficace, la previsione di soluzioni basate sulla natura e la mitigazione degli effetti negativi sulla biodiversità e le attività socio-economiche locali. Nel quadro logico del progetto l'area marina protetta sarà il laboratorio in cui verranno preparati i piani di aggiustamento, testando opzioni di adattamento con il coinvolgimento delle comunità locali (per lo più pescatori e diving club) nel monitoraggio partecipativo, condurre attività di valutazione della vulnerabilità e di comprensione. Laboratori di scambio, corsi di formazione e seminari sui rischi, sulle sfide e le soluzioni di adattamento con la partecipazione di diverse amministrazioni locali e gruppi di soggetti interessati saranno effettuati attraverso il progetto al fine di condividere gli obiettivi del progetto.

Partenariato

Questo progetto è guidato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche Spagnolo (CSIC), e coinvolge altri sette partner del bacino del Mediterraneo: l'Istituto Nazionale Italiano per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), IUCN Centro per la cooperazione mediterranea, Parco Nazionale Brijuni (Croazia) , Area marina Protetta Isole Pelagie - Ente Gestore Comune di Lampedusa e Linosa (Italia), Consorzio di Gestione di Portofino MPA (Italia), e l'Agenzia per l'ambiente della Corsica (Francia).

In qualità di partner associati: il Centro di Attività Regionale per le aree particolarmente protette (RAC / SPA), rete delle aree protette del Mediterraneo (MEDPAN), Ministero dell'Agricoltura e della pesca, alimentazione e ambiente spagnolo, il Comune di San Benedetto del Tronto, il Parco Naturale Regionale di Corsica (Francia), e l'Università di Malta.

Budget

1.904.257,06 € (85% co-finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale).

Fondazione MAVA (15% del contributo Med per il partner IUCN).

Durata

Da novembre 2016 fino a maggio 2019. united kingdom 640

Tags: MPA-ADAPT, Climate change, Resilience, Adaptation